30 agosto 2021

EsportsWeek 1: Grandi Novità in Europa e in America

esportsweek1

Con l’inizio della nuova stagione competitiva degli esports, su Esports Academy parte oggi una nuova rubrica a cadenza settimanale che vi terrà aggiornati sulle novità riguardanti il mercato degli esports, in ambito mondiale. La scorsa settimana una delle notizie che ha sconvolto il settore è stata sicuramente quella della disputa dei Worlds, il campionato mondiale di League Of Legends, in Europa, a differenza della città cinese di Shenzen che era stata annunciata nel Gennaio 2021. Il motivo per cui Riot Games ha fatto questa clamorosa scelta è stato spiegato dal loro Global Head Of Esports, ovvero John Needham, nella giornata di Lunedì 23 Agosto con la seguente dichiarazione: “Con la variante Delta, le restrizioni di viaggio e i protocolli COVID sono risultati molto più complicati per consentire di viaggiare nel 2021 rispetto al 2020. Purtroppo, abbiamo raggiunto il punto in cui è estremamente difficile garantire che le squadre qualificate e i loro migliori giocatori possano partecipare ai Mondiali di quest'anno. Di conseguenza, abbiamo preso la difficile decisione di spostare i Mondiali dalla Cina all'Europa.” Questa mossa inaspettata ha dato inizio alle possibili valutazioni sulle città europee che teoricamente potrebbero ospitare un evento del genere e tra le quali spiccano sicuramente anche due città italiane come Milano e Roma. La concorrenza sarà molto probabilmente agguerrita con altre zone come Parigi, Berlino e Amsterdam che sono più appetibili sia per la gestione della pandemia che della campagna vaccinale, ma nelle prossime settimane ne sapremo sicuramente di più.

Se un evento è stato solamente spostato, una realtà che non conosce ritorni alla normalità è sicuramente quella di Blizzard, che dopo lo scandalo delle molestie scoppiato ad inizio mese, ora con la diffusione anche in America della variante delta ha deciso di cancellare gli eventi postseason della Overwatch League, che saranno sostituiti da un evento online nel mese di Settembre. Un brutto colpo per l’azienda americana che si spera nel breve tempo possa riprendersi presto da questo clamoroso scivolone.

Dalle cattive notizie, ora passiamo alle belle notizie, parlando di una maggiore inclusione femminile negli esports, prima con il torneo di CSGO sponsorizzato da Razer e successivamente con il programma dell’LCS Game Changers annunciato Giovedì scorso da Riot Games. Razer, la scorsa settimana ha annunciato la seconda edizione del suo Invitational destinato all’America Latina. Oltre all’espansione di Colombia e Peru, quest’anno il brand americano ha scelto di organizzare un torneo aperto solo alle giocatrici, che si disputerà su CSGO. L’evento avrà un montepremi complessivo di 15.000 $ e inizierà l’8 settembre con le qualificazioni mentre terminerà nel weekend dall’1 al 3 ottobre. Sarà possibile seguire il torneo sui canali Youtube e Twitch di Razer. Invece Riot Games, il 26 agosto ha annunciato il suo nuovo programma LCS Game Changers volto a favorire la diversità nelle sue leghe, sia amatoriali che professionistiche. Nel corso del mese di Settembre, la Riot selezionerà 10 giocatrici americane e canadesi che avranno la possibilità di seguire due settimane di approfondimenti, di pratica e di allenamenti con i migliori team manager e analisti dell’LCS. Le giocatrici saranno formate anche e soprattutto sotto l’aspetto psicologico dell’“essere un pro-player”, in modo che siano preparate per l’eventuale cambio di vita. L’iniziativa è pensata per far emergere le categorie meno rappresentate nel gaming, dando loro tutti gli strumenti possibili per competere ad alti livelli e fare un giorno della propria passione, un vero lavoro. Il training camp che partirà a fine settembre non sarà trasmesso sui canali social di Riot per motivi di privacy, ma probabilmente chi vorrà potrà streamare la sua giornata di allenamento. Infine, la figura di Martin Luther King è arrivata su Fortnite grazie ad una collaborazione tra alcuni giocatori della community della modalità creativa del gioco di Epic Games e al settimanale americano TIME. Per celebrare i 50 anni del discorso dell’attivista americano davanti al Lincoln Memorial, a Washington DC, su Fortnite è disponibile un evento chiamato “Viaggio verso il Tempo” in cui si potrà ascoltare il discorso “Io Ho un Sogno” e partecipare a numerose missioni con altri giocatori per dar valore al motto “Insieme possiamo fare progressi”. Il luogo in cui si tiene l’evento è una versione reinventata della capitale statunitense ai tempi del 1963 e oltre al discorso, si potranno visitare in-game il Lincoln Memorial e il National Mall. Completando le missioni si potrà ottenere uno spray di D.C. 63. Questo evento dimostra come Fortnite sia ormai un luogo in cui si possono costruire realtà diverse dal gioco, e imparare tante altre cose come appunto la storia del vincitore del Premio Nobel per la Pace.

DI FRANCESCO CICCULLI